LinkedIn: il social che guarda al futuro

LinkedIn si rinnova nella grafica e nelle funzionalità, candidandosi a diventare un social sempre più utile e utilizzato. La piattaforma, acquistata nel 2016 da Microsoft per circa ventisei miliardi di dollari, ha all'incirca quattrocentosessanta milioni di utenti attivi, e i cambiamenti che sta apportando mirano ad allargare il suo bacino di utenza.

linkedin-futuro


Al centro l'immediatezza, le conversazioni e i contenuti

Le novità in arrivo sono tante. Per prima cosa l'aspetto grafico si è fatto più chiaro, ordinato e user friendly, con la versione desktop e la versione mobile equivalenti per contenuti e grafica. La ricerca è ottimizzata, rendendo più semplice trovare offerte di lavoro adatte alle proprie esigenze.

Anche il news feed è migliorato, le notizie che appaiono all'utente sono selezionate sia da un nuovo algoritmo che da esseri umani in carne ed ossa. Il menu permette un accesso rapido a tutte le diverse sezioni, tra cui la rete di contatti e l'area di messaggistica. Per pubblicare un annuncio basterà andare nella sezione Altro, dove è anche possibile accedere ai propri gruppi o ai corsi di LinkedIn Learning.

Cliccando sull'icona Me si potrà gestire il proprio account o passare agevolmente all'amministrazione della pagina aziendale. Una novità annunciata ma non ancora presente sono i Chat Bot, che serviranno a scambiare informazioni di vario tipo con gli utenti. Da tutti questi cambiamenti e ottimizzazioni LinkedIn, nelle parole di Skande "lo strumento di relazione professionale più utilizzato al mondo", mette al centro del discorso l'immediatezza, le conversazioni e i contenuti. Come non esserne contenti?


Account Premium

LinkedIn non punta solo a raggiungere un nuovo pubblico, ma conduce operazioni anche sugli utenti già fideizzati. Come? È semplice, alcune funzionalità ora si troveranno solo a pagamento nella versione premium, come le ricerche salvate e il tagging. Questo porterà molte persone (gli utenti più "anziani" e attivi) a fare l'upgrade del profilo, per non perdere gli strumenti che erano soliti usare e per guadagnarne di nuovi.


Verso il futuro

LinkedIn è sempre stato percepito come un social network atipico e dalle dinamiche complesse. Ora, grazie ai cambiamenti apportati (e a quelli che seguiranno, ormai la strada è stata tracciata), LinkedIn decide di entrare a gamba tesa nella jungla web 2.0, con a disposizione delle armi che le altre piattaforme non hanno: autorevolezza e professionalità, date dai contenuti e dalle finalità d'uso.

Nell'epoca delle fake news, degli hate speech e del victim blaming, LinkedIn è il luogo virtuale dove poter respirare. Dove lavoro, passione e conoscenza della materia vanno a braccetto. Dove le nostre opinioni e i nostri interessi non solo possono far parte del nostro lavoro, ma sono essenziali alla crescita del business aziendale.

Sono proprio gli approfondimenti razionali, i discorsi specialistici, le nuove possibilità di relazione e di apprendimento che potrebbero portare LinkedIn, in un futuro prossimo, ad essere il principale social vissuto e utilizzato.

Grazie per aver letto l'articolo.

Se hai bisogno del nostro servizio di gestione dei social contattaci qui oppure su Facebook o Twitter, dove potrai anche seguirci per rimanere aggiornato sui nostri articoli.