Mappa Via Marconi 20, Bussolengo (VR)
Email info@devinterface.com

Web design trends per il 2024

gruppo di ragazzi che lavora al tavolo con post-it, wireframe e colori

Cosa riserva il futuro del web design? Il 2024 promette innovazioni e tendenze sorprendenti nel mondo della progettazione web. Esploriamo insieme 8 delle prospettive più avvincenti, dei cambiamenti e delle direzioni creative che stanno plasmando il panorama del design online per quest'anno. 

 

1) Bento grid

Cibo giapponese diviso in comparti da griglia

Immagine via Freepik

Per capire il trend del bento layout , è sufficiente pensare alla tradizionale scatola bento giapponese, un contenitore per il pranzo con scomparti ordinatamente divisi, ognuno dei quali contiene un piatto diverso. I modelli di design bento si ispirano a questo concetto e offrono un modo visivamente accattivante e organizzato di presentare contenuti e funzionalità sui siti web.

Il layout bento utilizza una struttura a griglia che divide il contenuto di un sito web in diverse sezioni o scomparti. Ogni scomparto funge da spazio dedicato per presentare una caratteristica specifica, facilitando la navigazione e l'assorbimento delle informazioni da parte degli utenti in modo intuitivo e visivamente accattivante.

 

2) Scroll multiplanare 

Un esempio di scorrimento multiplanare da GSAP

Di solito, mentre l'utente scorre una pagina web, il contenuto si sposta in una direzione lineare dall'alto verso il basso e rimane confinato all'interno dell'asse verticale. Tuttavia, il concetto di scorrimento multiplanare sta rivoluzionando questa dinamica. Con questa nuova modalità, mentre gli utenti navigano, potrebbero imbattersi in contenuti che si spostano anche lateralmente lungo l'asse orizzontale. Questo sistema ricorda i movimenti in un classico gioco di Mario, con movimenti sia verticali che orizzontali.

Lo scorrimento multiplanare coinvolge il movimento dei contenuti in profondità lungo l'asse z, un concetto poco comune fino ad ora. Tuttavia, si pensa che si diffonderà nei prossimi anni. Immagina il contenuto che si spinge all'indietro mentre un nuovo elemento si sposta in primo piano al suo posto. Oppure, l'uscita graduale di un contenuto precedente mentre uno nuovo emerge dallo sfondo.

 

3) Tipografia cinetica

via GIPHY

Per tipografia cinetica si intende fondamentalmente la produzione di lettere o parole che si muovono sullo schermo (typo animation). Nella tipografia cinetica, le lettere e le parole possono ingrandirsi e ridursi, avvicinarsi più rapidamente, dissolversi selvaggiamente o ridursi in polvere. La creatività delle animazioni è praticamente illimitata.

Spesso è utilizzata per trasmettere un'idea e la scelta del carattere diventa quindi di primaria importanza per dare vita al testo e coinvolgere l'utente in modo più dinamico ed emozionante.

 

4) Immagini generate dall'IA

testa cibernetica con fiori di ciliegio e sfondo acquatico con fiori di ciliegio

Immagine via Freepik

Il trend delle immagini generate dall'intelligenza artificiale sta prendendo sempre più piede per la creazioni di immagini suggestive, uniche e sorprendenti. Questo si ripercuote sulla possibilità di offrire esperienze personalizzate agli utenti.

Invece di presentare contenuti identici per tutti, grazie all'impiego dell'intelligenza artificiale per generare grafica personalizzata tramite dati utente e sistemi di progettazione, i siti includeranno ora materiale dinamico e mutevole, adattato alle preferenze singole, offrendo design unici e pertinenti per ciascun utente.

 

5) Colori e gradienti vibranti

Vortice di gradiente e mix colori vibranti

Immagine via Freepik

Siamo entrati in un anno che vuole abbandonare stili seriosi e ormai percepiti come noiosi per abbracciare invece creatività e giocosità. Questo si ripercuoterà soprattutto nel modo in cui verranno utilizzati i colori e i gradienti. 

Con la reintroduzione di stili come il brutalismo nel web design, vedremo un uso audace dei colori con palette di colori accesi, luminosi e saturi che vengono impiegate per creare impatti visivi immediati e memorabili. 

I grandienti, dal canto loro, sono visivamente apprezzati da diversi anni ormai. Nel 2024 la combinazione di colori vibranti in gradienti, uniti ad un gioco di textures, creerà una sensazione di movimento e vivacità, catturando l'attenzione degli utenti e aggiungendo un tocco di freschezza all'esperienza visiva complessiva.

 

6) Dark mode

via GIPHY

Un trend cresciuto negli ultimi anni e percepito finora come un bel "nice to have" è la modalità scura comunemente chiamata dark mode che diventerà invece d'obbligo nel 2024. Questa modalità che utilizza uno schema di colori scuri per il design delle interfacce, non sarà più una scelta opzionale ma richiederà impegno ed attenzione nella sua implementazione.

Dark mode offre un'estetica moderna ed elegante. Le interfacce con sfondi scuri e testi chiari creano un forte contrasto visivo, mettendo in risalto il contenuto e fornendo una sensazione di profondità. Questo stile può essere applicato in vari contesti, dall'applicazione mobile al design di siti web e piattaforme software. Infatti, molte app native e mobile offrono già la modalità chiara o scura e permettono una flessibile intercambialità tra le due modalità. Oltre che essere disponibile dalle impostazioni, le applicazioni devono anche disporre di una logica per cui di giorno viene mostrata la modalità chiara, di notte quella scura. 

 

7) Tipografia in evoluzione

La tipografia sta vivendo una vera e proprio evoluzione che vede i designer sperimentare in termini di disposizioni, dimensioni e palette cromatiche, oltre a integrare elementi dinamici e interattivi.

Nel 2024 la vedremo come protagonista nello schermo, diventando un elemento attivo di design che arricchisce l'estetica e l'appeal complessivo di un sito. Una fusione tra caratteri classici e moderni, l'impiego di tipografie audaci e di grandi dimensioni, insieme a esperimenti che coinvolgono sovrapposizioni di testo e l'uso combinato di diversi media sono solo alcuni degli aspetti che pregusteremo quest'anno. 

 

8) No code builders

via GIPHY

Più che una tendenza di design, si tratta di una tendenza dei tool impiegati e stiamo parlando di strumenti no-code per costruire siti web o applicazioni. Da qualche anno stiamo assistendo alla diffusione degli strumenti no-code che consentono la creazione di siti web o applicazioni senza richiedere competenze di programmazione.

Piattaforme come Webflow hanno già cambiato radicalmente il panorama nel 2023, e sembra che questa tendenza prenderà ancora più slancio nel 2024 grazie alle funzionalità in continua evoluzione che offrono. I designer possono così creare siti web complessi, con animazioni interattive e layout sofisticati, senza dover scrivere una singola riga di codice. Ciò offre una maggiore libertà creativa e apre la porta alla realizzazione di progetti più innovativi in tempi più brevi.

Questa tendenza permette a chiunque abbia una visione creativa di realizzare il proprio progetto online senza le barriere della programmazione tradizionale. E con l'aggiunta costante di funzionalità sempre più avanzate, ci aspettiamo che i no-code builders diventino ancora più centrali nel panorama del web design nel corso del 2024.

 

Conclusione

Come abbiamo visto, il 2024 si preannuncia un anno di grossi cambiamenti nel mondo del web design, dove diverse tendenze stanno ridefinendo il modo in cui concepiamo e interagiamo con i siti web e le applicazioni. Dall'avvento del bento grid layout che favorisce la flessibilità e la struttura modulare, al coinvolgimento delle immagini generate dall'IA che danno vita a scenari visivi unici, il panorama del design online si evolve in modo sorprendente.

L'arrivo del scrolling multiplanare offre un'esperienza di navigazione più dinamica e coinvolgente, mentre l'uso audace di colori e gradienti vibranti porta una nuova vitalità visiva ai siti. Il dark mode non è più solo un'opzione estetica, ma si sta affermando come un elemento fondamentale per migliorare l'esperienza dell'utente in vari contesti.

La tipografia, trasformata in un elemento attivo di design, sta dimostrando un'evoluzione senza precedenti, diventando protagonista sullo schermo e aggiungendo un tocco distintivo a ogni progetto. E infine, l'emergere dei no-code builders apre le porte della creatività a chiunque abbia una visione senza la necessità di competenze tecniche approfondite.

Questi trend rappresentano una spinta verso un design più accessibile, coinvolgente e personalizzato, abbracciando l'innovazione tecnologica e la creatività senza limiti. Nel 2024, ci aspettiamo che questi elementi non siano solo tendenze passeggiere, ma diventino pilastri fondamentali che plasmeranno il futuro del web design, offrendo esperienze digitali sempre più straordinarie e coinvolgenti per gli utenti.