Mappa Via Marconi 20, Bussolengo (VR)
Email info@devinterface.com

Tutto quello che devi sapere sulle API nell’architettura software

API nell’architettura software

Cosa sono le API e perché sono importanti?

Le API, o Application Programming Interfaces, sono un'interfaccia di programmazione che può essere utilizzata per progettare la comunicazione tra due o più soluzioni software. Si tratta di un'interfaccia tra due o più programmi o componenti all'interno di un'applicazione, attraverso la quale è possibile scambiare dati.

Le API svolgono un ruolo cruciale nello sviluppo del software moderno, in quanto offrono numerosi vantaggi:

  • Riusabilità: le API ben progettate consentono agli sviluppatori di riusare efficacemente componenti software, riducendo la duplicazione del lavoro e accelerando lo sviluppo di nuove funzionalità.
  • Modularità: grazie alle API, è possibile suddividere un sistema complesso in moduli indipendenti, semplificando la manutenzione, la gestione e l'aggiornamento delle parti individuali dell'applicazione.
  • Interoperabilità: le API favoriscono l'interazione tra sistemi eterogenei consentendo loro di comunicare in modo standardizzato, agevolando l'integrazione di diverse tecnologie e servizi.
  • Scalabilità: le API possono contribuire alla scalabilità di un'applicazione per soddisfare le esigenze di carico di lavoro crescenti, garantendo che l'intera applicazione rimanga resiliente ed efficiente.

Visti i numerosi vantaggi e la crescente dipendenza dalle API nella moderna architettura del software, la comprensione delle API e la loro corretta implementazione è fondamentale sia per gli sviluppatori che per le aziende.

 

Tipi di API

Esistono diversi tipi di API, ciascuno con i propri vantaggi, limiti e casi d'uso. 

  • API orientata alle funzioni: la comunicazione avviene tramite funzioni e parametri. Si tratta del tipo di API più complesso.
  • API orientata ai file: l'accesso a singoli file o funzioni di file tramite chiamata al file system; il sistema operativo deve essere incluso a causa dei diritti di accesso.
  • API orientata agli oggetti: più flessibile delle API a funzione pura; uso dei cosiddetti puntatori di interfaccia.
  • API orientata al protocollo: è indipendente da sistemi operativi o hardware specifici

Che cos'è una REST API?

Tra le API più conosciute vi sono le API REST e GraphQL. REST è l'acronimo di Representational State Transfer. Si tratta di un tipo speciale di interfaccia responsabile dello scambio di dati su sistemi distribuiti. È particolarmente importante per le applicazioni web. Qui è spesso necessario distribuire attività e dati a diversi server o richiederli ai server (richiesta HTTP).

Se desideri approfondire questo concetto ti consigliamo di leggere il nostro articolo "API REST e API GraphQL: un confronto"

 

Il ruolo delle API nell'architettura a microservizi

L'architettura a microservizi ha guadagnato popolarità negli ultimi anni e consente agli sviluppatori di creare applicazioni come un insieme di piccoli servizi distribuibili in modo indipendente. Le API svolgono un ruolo cruciale in questo approccio, fungendo da fondamentali ponti di comunicazione tra i servizi distribuiti che costituiscono l'ossatura di queste moderne infrastrutture applicative. Questi componenti sono come le linee di dialogo che permettono ai diversi servizi di cooperare sinergicamente.

Nel contesto dei microservizi, le API svolgono le seguenti funzioni chiave:

  • Interazione tra i microservizi: grazie alle API, i servizi possono scambiarsi dati e richieste in modo affidabile e strutturato, rendendo possibile la realizzazione di flussi di lavoro complessi e la combinazione di dati provenienti da varie fonti. Questa comunicazione efficace è fondamentale per garantire che l'applicazione a microservizi funzioni come un unico sistema coerente.
  • Indipendenza dei servizi: ogni microservizio è un'entità autonoma con la propria logica di business e il proprio ciclo di vita. Le API forniscono un'interfaccia standardizzata che permette ai team di sviluppo di lavorare in modo isolato su ciascun microservizio, senza la necessità di coordinare ogni cambiamento con gli altri team. Ciò favorisce una maggiore agilità nello sviluppo e la possibilità di rilasciare nuove funzionalità in modo rapido ed efficiente.
  • Evoluzione continua dell'architettura: gli aggiornamenti o le sostituzioni dei servizi possono essere gestiti senza interrompere l'intero sistema, a condizione che le API rimangano stabili e compatibili. Ciò consente all'architettura a microservizi di rimanere flessibile e adattabile alle esigenze in evoluzione dell'azienda e dei suoi utenti.

Selezionando i tipi di API giusti e seguendo le best practice, le organizzazioni possono utilizzare efficacemente l'architettura a microservizi per raggiungere i propri obiettivi di sviluppo software. Senza di esse, la gestione di un ecosistema di servizi distribuiti sarebbe molto più complessa, se non impossibile.

 

Come funziona il linguaggio di programmazione che sta dietro a un'API?

Il linguaggio di programmazione alla base di un'API viene utilizzato per definire la funzionalità e il comportamento dell'API. L'API è essenzialmente un insieme di istruzioni o "endpoint" che uno sviluppatore può utilizzare per interagire con il sistema.

Quando uno sviluppatore effettua una richiesta API, il codice lato server dell'API riceve la richiesta, la elabora e restituisce una risposta. Il linguaggio di programmazione dell'API determina il modo in cui il codice lato server è scritto e come elabora la richiesta. Indipendentemente dal linguaggio di programmazione usato lato server le API restituiscono i dati in un formato standard tipicamente JSON o XML. Ad esempio, un'API basata su Java potrebbe utilizzare l'API Java Servlet per elaborare le richieste e le risposte HTTP, mentre un'API basata su Python potrebbe utilizzare il framework web Flask o Django, ma in ogni caso la risposta verrà presentata in uno dei formati standard. 

In sintesi, il linguaggio di programmazione di un'API definisce la sintassi, le librerie e i framework utilizzati per implementare le funzionalità e il comportamento dell'API. Il formato delle richieste e delle risposte si basa invece sullo standard di interscambio dati scelto.

Anche se la programmazione di alcune API sembra molto complessa e completa, le API dovrebbero essere semplici e facili da capire. Ciò significa che la progettazione di un'API deve essere ben strutturata e ridotta a un minimo di funzioni. Solo in questo modo le API facilmente gestibili possono essere programmate e utilizzate come moderni microservizi da una moltitudine di altri componenti software. 

Un'API può essere realizzata di base con qualsiasi linguaggio di programmazione. Noi, ad esempio, utilizziamo GO, Ruby, Python e Node per le nostre API più performanti. L'API contiene solitamente funzioni per la comunicazione con il server, la visualizzazione dei dati e il controllo delle azioni.

 

Perché occuparsi di programmazione API?

Ci sono diversi motivi per cui vale la pena di partecipare alla programmazione delle API, non solo nel vostro ruolo di sviluppatori di software:

Aumento della funzionalità: le API consentono di accedere a funzioni e dati di altri sistemi, facilitando l'aggiunta di nuove funzionalità all'applicazione senza dover sviluppare tutto da zero.
Migliore interoperabilità: le API forniscono un modo standard per far comunicare e collaborare sistemi diversi, rendendo più facile l'integrazione con altre piattaforme e servizi.
Migliore scalabilità: scomponendo un sistema complesso in parti più piccole e gestibili, le API possono facilitare la scalabilità dell'applicazione e l'aggiunta di nuove funzionalità in base alle necessità.
Migliore accessibilità: le API possono facilitare l'accesso e l'utilizzo del servizio da parte degli sviluppatori, aumentandone l'adozione e l'utilizzo.
Migliore sicurezza: utilizzando misure di sicurezza adeguate, puoi proteggere efficacemente i dati e i servizi quando li fornite attraverso un'API.

 

Conclusione

In conclusione, le API rappresentano un elemento vitale nell'ambito delle moderne architetture software e giocano un ruolo fondamentale nell'agevolare la comunicazione e la cooperazione tra diversi componenti software, servizi e applicazioni. Nella prima sezione, abbiamo esplorato cos'è una API e perché sia di cruciale importanza. Le API agiscono come ponti tra applicazioni, consentendo loro di scambiare dati e funzionalità in modo standardizzato ed efficiente, e questa interoperabilità è fondamentale per il successo delle applicazioni moderne.

Abbiamo esaminato anche i vari tipi di API e abbiamo compreso come ognuna di esse abbia le sue peculiarità e utilizzi specifici. Nel contesto delle architetture a microservizi, abbiamo notato come le API siano il collante che permette ai servizi distribuiti di comunicare tra loro, garantendo scalabilità, indipendenza e facilità di manutenzione. Dopo aver visto che le API possono essere create con qualsiasi linguaggio di programmazione, ci siamo infine concentrati sull'importanza di comprendere e gestire lo sviluppo delle API, dal punto di vista che vale sia per uno sviluppatore, sia per un'azienda.

In un'epoca in cui l'integrazione, l'efficienza e la flessibilità sono essenziali per il successo delle applicazioni, la conoscenza delle API e la loro corretta implementazione diventano un vantaggio competitivo. DevInterface offre soluzioni avanzate nello sviluppo di API e integrazioni, mettendo a disposizione competenze e esperienza per supportare le aziende nell'implementazione e nell'ottimizzazione delle loro strategie API, contribuendo così a potenziare la loro presenza digitale e a raggiungere il massimo potenziale nel mondo delle applicazioni e dei servizi online. Contattaci ora per una consulenza gratuita.